Sei nel settore: Giornalisti junior e apprendisti


Giornalisti pubblicisti: ecco come lo si diventa



In Italia trovare un giornalista non è un'impresa impossibile. Infatti quelli che svolgono questa professione sono circa 112mila persone, di cui la stragrande maggioranza pubblicisti.

Vale a dire che molte persone scrivono articoli ma la loro principale occupazione non è il giornalismo. Tra questi troviamo ricercatori, impiegati pubblici, insegnanti e veri e propri scrittori oltre che giornalisti precari e collaboratori.

In cifre potremmo dire che in Italia ci sono ben 75.459 pubblicisti contro i circa 30mila professionisti.

Il problema principale rimane la prospettiva effettiva di riuscire a lavorare ed avere un redditto che permetta il raggiungimento dell'indipendenza economica: una spinta che potrebbe giustificare la corsa al tesserino.

Dunque non tutti i giornalisti sono uguali. Infatti i giornalisti sono divisi in due categorie, ovvero giornalisti pubblicisti e giornalisti professionisti. La differenza si basa sulla definizione, sulla classificazione e su impegno e trattamento economico.

Secondo la legge 69/1963 sono professionisti coloro che esercitano in modo esclusivo e continuativo la professione di giornalista; sono pubblicisti coloro che svolgono attività giornalistica non occasionale e retribuita anche se esercitano altre professioni o impieghi.

Ovviamente chi inizia come pubblicista può diventare professionista proprio perché il possesso del tesserino di pubblicista è tra i titoli richiesti per partecipare a alcuni concorsi per uffici stampa nella pubblica amministrazione.

Per ottenere il patentino da giornalista pubblicista, il relativo tesserino e l’iscrizione all’elenco dei giornalisti pubblicisti bisogna avere i seguenti requisiti:

- assenza di precedenti penali

- attestazione di versamento della tassa di concessione governativa

- presentare gli articoli pubblicati e i certificati che provino l’attività pubblicistica regolarmente retribuita da almeno due anni;

- fotocopia dell‘eventuale contratto di collaborazione con la testata (o le testate)

- documentazione dello stipendio percepito negli ultimi 24 mesi

Quindi per diventare giornalista pubblicista devi prima lavorare per una o più testate giornalistiche per almeno 2 anni. Non è rilevante che siano redazioni di quotidiani, periodici, si può diventare un giornalista pubblicista anche scrivendo online. Le testate giornalistiche devono, in ogni caso, essere iscritte in Tribunale ed avere un direttore iscritto all’Albo dei giornalisti.


 

(inserito il 30/12/2019)

E' stato visitato da...

vedi tutti

visite complessive: 2454

Curriculum in evidenza

Isabella Ligi
Isabella Ligi
Giornalista Freelance (Milano)
Bravo in: Redazione articoli, CMS - WordPress, Redazione brevi testi
Federica Rubini
Federica Rubini
Addetto Stampa (Bologna)
Bravo in: Pacchetto Office, Elaborazione comunicati stampa, Redazione brevi testi

Hanno trovato lavoro grazie a INFOCITY

Maria Cagnasso
Maria Cagnasso
Giornalista Freelance (Torino)
Bravo in: Redazione articoli, Titoli e didascalie, Photoshop o altri editors grafici
Manuela Boschetti
Manuela Boschetti
Giornalista Freelance (Cardano al Campo)
Bravo in: Editing audio-video, Redazione articoli, Seo

Altre pagine personali

Chiara Casamassima
Chiara Casamassima
Giornalista Freelance (Pinerolo)
Bravo in: Redazione articoli, CMS - WordPress, Pacchetto Office
LAURA ARMELI
LAURA ARMELI
Web Worker (altro) (BOLOGNA)
Bravo in: Redazione brevi testi, Titoli e didascalie, Pratica radiotelevisiva
giorgio giorgi
giorgio giorgi
Giornalista Freelance (Roma)
Bravo in: Redazione articoli, Servizi complessi, Elaborazione comunicati stampa
Barbara Noferi
Barbara Noferi
Giornalista Freelance (Piombino)
Bravo in: Redazione articoli, Elaborazione comunicati stampa, Pratica radiotelevisiva