Sei nel settore: Blogger e webeditor


Quando il giornalista è solo virtuale



Riuscite a prefigurarvi come cambierà la professione grazie alle nuove tecnologie? Potreste rimanere piacevolmente sorpresi. In questi anni nelle università degli Stati Uniti gli studiosi di intelligenza artificiale hanno realizzato le prime forme di redattori virtuali.

Ne è un esempio il Columbia newsblaster, un programma "intelligente", che è in grado di monitorare diverse testate d'informazione on line e poi riassumere le notizie dalle fonti in tempo reale.

Questo software va a caccia dei temi caldi dell'ultimo minuto, setacciando le più grandi agenzie di stampa e testate giornalistiche, dalla CNN alla Reuters, dal Los Angeles Times al Washington Post. Poi individua i concetti che si ripetono e la ricorrenza delle parole, per riuscire a definire il tema principale dell'articolo. Newslblaster, da una serie di articoli sullo stesso tema, ritaglia così le frasi più rilevanti e le assembla in brevi riassunti.

Non bisogna dimenticare che questo "redattore" è un programma che deve dialogare con una macchina e quindi essere in grado di tradurre le regole di composizione del linguaggio naturale in calcoli numerici. Perciò è molto importante che sia programmato per riuscire a distinguere una notizia da una bufala palese o da uno spot pubblicitario.

In barba alla crisi di cui ha sofferto l'intelligenza artificiale nel decennio scorso, i nuovi sistemi di IA hanno raggiunto livelli così avanzati da riconoscere frasi di senso compiuto. Ad esempio decodificano correttamente l'enunciato "ogni americano ha un presidente", che significa che tutti gli americani hanno un solo presidente e non che ciascun americano ha un presidente suo.

Di sistemi come newsblaser ce ne sono tanti, un altro esempio è Newsinessence, ma l principio di funzionamento è il medesimo: riassumere la stessa notizia tratta da una pluralità di fonti.

Le applicazioni redazionali reali di un sistema simile sono davvero vantaggiose: non è una minaccia al posto di lavoro dei giornalisti, né un'offesa alla loro intelligenza.

Basti pensare all'overload di informazione, quel mare da cui siamo sommersi costantemente e all'utilità di una macchina che individua e ordina tutte le fonti per uno stesso tema d'attualità, ultimi aggiornamenti compresi. Si perderebbe meno tempo alla ricerca delle news, per impiegarlo meglio nella qualità di quello che si scrive.

(inserito il 09/06/2005)

E' stato visitato da...

vedi tutti

visite complessive: 984

Curriculum in evidenza

Christian Besemer
Christian Besemer
Comunicazione (altro) (Verona)
Bravo in: Attività PR, Elaborazione comunicati stampa, Rassegne stampa
Elena Canini
Elena Canini
Web Editor (Brescia)
Bravo in: Redazione articoli, Redazione brevi testi, Seo

Hanno trovato lavoro grazie a INFOCITY

Dalila Campanile
Dalila Campanile
Addetto Stampa (Foggia)
Bravo in: Redazione articoli, Elaborazione comunicati stampa, Pratica radiotelevisiva
Paola Bernasconi
Paola Bernasconi
Comunicazione (altro) (Sezze)
Bravo in: Redazione articoli, Elaborazione comunicati stampa, CMS - WordPress

Altre pagine personali

Stefano Brigati
Stefano Brigati
Comunicazione (altro) (Milano)
Bravo in: Redazione articoli, Editing audio-video, CMS - WordPress
emily pomponi
emily pomponi
Giornalista Freelance (Roma)
Bravo in: Redazione articoli, Editing audio-video, Seo
Martina Cecco
Martina Cecco
Giornalista Freelance (Trento)
Bravo in: Redazione articoli, Realizzazione eventi, Attività PR
Elena Canini
Elena Canini
Web Editor (Brescia)
Bravo in: Redazione articoli, Redazione brevi testi, Seo